master-in-corporate-finance-e-banking master-in-diritto-del-lavoro master-in-gestione-delle-risorse-umane-cesma master-in-marketing-e-vendite2 master-in-project-management

Il CESMA Executive Education, dal 1968, è stata la prima scuola  in Italia ad offrire alle aziende una formazione esperienziale, non istituzionale.

Per richiedere informazioni clicca e compila il form


Contattaci

social media trend 2018

Il mondo dei social network sta diventando sempre più rilevante nella vita aziendale, grazie alla capacità di migliorarne la comunicazione e la presenza sul mercato. Di conseguenza nuove figure professionali, capaci di sfuttare al meglio queste tecnologie, diventano sempre più necessarie nell'organico di un'organizzazione.

parliamo di un mondo in continua evoluzione, risulta indispensabile osservarlo bene, coglierne le diverse sfaccettature ed in alcuni casi prevederlo ed anticiparlo, per poter essere al passo con gli aggiornamenti che puntualmente si ripropongono. Per questo motivo si cerca di definire ruoli professionali sempre più specializzati e distinti tra loro. Ma qual'è la differenza dei diversi ruoli? quale il più importante per un'organizzazione? differenziare i tipi di lavoro e le competenze necessarie è utile solo alle moltinazionali o anche nelle PMI, che prevalgono nel sistema economico italiano?


SOCIAL MEDIA MARKETING COME NECESSITÀ PER LE AZIENDE


Quel che è certo è che avere delle persone dedicate a lavorare con i social non è più una scelta per le organizzazioni e le imprese ma una necessità, perché le aziende e le persone hanno bisogno di essere social e digital per poter competere a livello internazionale, perché i competitor ormai stanno arrivando da qualsiasi parte del mondo, in quanto i confini digitali e dei social media non esistono. L’attività di social media marketing invece è spesso sottovalutata dalle aziende, che non considerano con la dovuta attenzione le opportunità di contatto e di fidelizzazione che si possono generare, né considerano una strategia integrata ai fini della SEO e tantomeno guardano ai trend nell’ambito da poter sfruttare a proprio vantaggio, perdendo così importanti occasioni in termini economici.

 

Vuoi specializzarti e lavorare nel mondo dei social media? scopri il nostro Master:
EXECUTIVE MASTER IN MARKETING, DIGITAL COMMUNICATION SOCIAL MEDIA


QUALI SONO LE PRINCIPALI PROFESSIONI LEGATE AI SOCIAL MEDIA E QUALI LE CARATTERISTICHE?


Non è semplice definire quante e quali sono le professioni legate ai social media, perché da un lato si rischia di dimenticarne alcune, dall’altro su profili LinkedIn e siti di aziende, per esempio, se ne trovano sempre di nuove e di diverse.

Capiamo si seguito quali sono le principali caratteristiche di alcune professioni, scegliendo tra le terminologie utilizzate più di frequente.

SOCIAL MEDIA MANAGER
Questa è una delle terminologie più diffuse e utilizzate – spesso impropriamente – da chi si approccia lavorativamente ai social. Alcuni pensano che soltanto avere un profilo sui social e utilizzare chat e strumenti per postare possa bastare a comprenderne dinamiche di engagement, gestione di pagine aziendali, etc., così inseriscono nel proprio profilo professionale questa dicitura o si candidano per posizioni aperte in questo campo. Per essere un bravo social media manager occorre ovviamente molto di più. Per semplificare si potrebbe considerare una lista di compiti per la professione di social media manager che include il contribuire a pianificare un calendario editoriale per comunicare un brand, pubblicare contenuti testuali ma anche in formato immagine, audio o video, monitorare le interazioni e rispondere a commenti e messaggi, conoscere le possibilità di advertising, analizzare i risultati raggiunti e il sentiment generato e redigere dei report.

SOCIAL MEDIA SPECIALIST
Diversamente dal Social Media Manager, che si occupa del management dei diversi social network per comunicare, il social media specialist punta tutto sulla specializzazione, sul conoscerne al meglio soprattutto uno di essi. Una professione che si rivela sicuramente utile nell’attuale scenario in cui le dinamiche dei social divengono sempre più complesse, con aggiornamenti che da un lato offrono ottime opportunità di promozione, visibilità e contatto diretto con utenti e consumatori, dall’altro richiedono ottime capacità di adattamento e flessibilità per stare al passo con i cambiamenti e non perdere i vantaggi raggiunti o possibili. Un esempio è, a tal proposito, Facebook che sta invadendo il mercato del social media advertising ponendo non pochi ostacoli a pagine aziendali e utenti con aggiornamenti dell’algoritmo e nuove introduzioni, dimostrando così l’utilità di una figura professionale quale quella di “Facebook specialist”.


SOCIAL MEDIA STRATEGIST
La strategia è il fulcro di ciascuna azione di web marketing, prima del management. Se da una parte ila lavoro è alleviato dal fatto che si limita alla pianificazione, perchè l'esecuzione spetta al social media manager, dall'altra grava sul social media strategist la responsabilità di scelta. Il social media strategist infatti deve essere sempre pronto a reagire in modo rapido agli stimoli esterni. Frequentemente vanno prese delle decisioni rapide cercando di prevedere la direzione giusta. Lo specialista ha competenze e conoscenze a livello di marketing tradizionale ma va oltre in quanto si aggiorna e si migliora continuamente.

WEB CONTENT SPECIALIST
Il web content specialist si occupa di produrre contenuti, sia testuali che multimediali dei quali è direttamente responsabile, che siano efficaci per una risorsa web. Cura il contenuto anche in base della piattaforma che lo dovrà ospitare (sito web, social network, blog, interfaccia) e del target (utenza). Monitora l’usabilità del sito con gli strumenti della customer satisfaction. Tenendo un occhio di riguardo sui dati per capire cosa va bene e cosa si può migliorare.
Soprattutto nella gestione dei social network, questo ci fa capire quanto stretta sia la connessione con il social media manager e/o specialist, tanto che spesso le figure coincidono non solo nelle aziende di piccole dimensioni ma anche in realtà più grandi.

Nel lavoro del content specialist è necessario inoltre possedere ulteriori competenze "standard" per garentire i risultati del proprio operato: buona sensibilità editoriale, facilità di scrittura, conoscenza dei principi fondamentali del copywriting e del web-writing; ma soprattutto la conoscenza degli strumenti necessari, come ad esempio CMS, programmi di fotoritocco, tool di analisi dati, basi di html, SEO.

WEB COMMUNITY MANAGER O COMMUNITY MANAGER
Figura professionale del settore marketing & comunicazione digitale che si occupa di gestire comunità virtuali presenti sul web e social network.

Il web community manager è il profilo di competenza professionale che un professionista che vuole agire con competenza sulle community online deve possedere. Ci sono alcuni aspetti principali del profilo da considerare. Tra i compiti (tesi a conseguire con efficacia alcuni KPI, ad esempio in riferimento a audience engagement o satisfaction score):
– controllare, valutare e gestire le conversazioni online, intervenendo sempre con linguaggio appropriato e adeguato al media utilizzato;
– promuovere nuovi argomenti di conversazione/relazione;
– stimolare il produttivo coinvolgimento di utenti e stakeholder;
– assumere un ruolo di rappresentanza istituzionale all’interno della community;
– valutare il sentiment online;
– realizzare report periodici.
Sono poi richieste abilità e conoscenze tecniche riferite sia al marketing non convenzionale che al settore informatico. Il professionista che intende “lavorare su e con i social” deve essere un bravo “web community manager”.»

Nella pratica il community manager è colui che si trova a stretto contatto con l’utente e rappresenta l’azienda online: da un lato dunque deve conoscere a pieno la filosofia aziendale per poterla rappresentare e dall’altro deve conoscere quali sono i messaggi e i contenuti da veicolare agli utenti in ascolto.

 

Vuoi migliorare la comunicazione online della tua azienda? scopri il nostro Master:
EXECUTIVE MASTER IN MARKETING, DIGITAL COMMUNICATION SOCIAL MEDIA

 

TANTE TERMINOLOGIE: NECESSITÀ O TROPPA CONFUSIONE?


I diversi ruoli sono tutti ben definiti e nelle grandi imprese è probabile che ci siano diverse persone (o diversi team) a ricoprirli. Alcune delle figure professionali elencate sopra però sono per certi versi interscambiabili – ad esempio uno specialist non è detto che non sia anche uno strategist che, a sua volta, potrebbe essere un social media manager – o sono comunque complementari ed è forse questo che genera confusione in chi deve trovare un’appropriata esplicitazione della propria professione (o di quella che si aspira a ricoprire). Complice poi anche il fatto che ci siano alcune abilità e alcuni saperi necessari per lavorare in generale con i social. Si devono però avere conoscenze nell’ambito specifico, avere buone doti comunicative e molta pazienza, sapere con chiarezza usare gli strumenti, saper identificare strategie, definire piani (il piano editoriale ad esempio è fondamentale) e rapportarsi con serietà con il cliente.

IN CONCLUSIONE


Il mondo digitale sarà sempre più evoluto e complesso,per cui è necessario andare sempre più verso la specializzazione con le idee ben chiare. Con il cliente però la parola chiave deve essere sempre una: semplicità. La scelta migliore quindi è di lasciare che a interfacciarsi con il cliente sia una sola persona che lavora con i social; questa poi può avere alle spalle un intero team composto da figure professionali (e relative terminologie).

E per te? quale pensi sia la soluzione ideale per la tua azienda? 

Contatti

Finance & Legal

Executive Education
Piazzale Baiamonti, 3 20154 MIlano, MI IT

 

Network